Categorie Ganoderma
approfondimenti ganoderma

approfondimento

Controindicazioni

Ganoderma IT Ganoderma in Gravidanza?

 

Nel web ci sono migliaia di commenti, opinioni e testimonianze riguardo l’utilizzo del Ganoderma Lucidum.

Ma la scienza continua ogni giorno a studiare gli effetti del Fungo Ganoderma, tanto che l’Università del Michigan osserva che il Ganoderma , come molti altri funghi, si può trovare in crescita sui ceppi in decomposizione degli alberi morti. Il suo uso medicinale risale a oltre 4000 anni, e ha avuto un posto importante nella medicina tradizionale cinese. Nonostante il suo uso altamente riconosciuto in medicina, alcune persone sottolineano che il Ganoderma è molto ricercato dalle donne cinesi durante la gravidanza.

Ganoderma in Gravidanza

Ma che cos’è il Ganoderma?
Il Ganoderma aumenta l’attività antiaggregante piastrinica nel vostro corpo, il che significa che blocca la formazione di coaguli di sangue, anche se non esistono specifiche avvertenze.
Il Ganoderma ha una lunga storia sul suo uso, che appare nel più antico testo di medicina cinese, studi clinici sul fungo sono stati condotti fino ai giorni nostri.

Riguardo l’utilizzo in gravidanza, l’Università del Michigan avverte che alcuni rari effetti negativi sono stati riscontrati in gravidanze di soli tre-sei mesi, e quindi i soli “effetti negativi” riscontrati sono disturbi di stomaco, vomito e secchezza della bocca e della gola.
Per le donne il Ganoderma Lucidum è efficace nel trattamento di molte situazioni come:

  • Crampi Mestruali
  • Vertigini;
  • Mestruazioni irregolari;
  • Disturbi della menopausa;
  • Difficoltà a rimanere incinta;

Inoltre, il Ganoderma durante la gravidanza può fungere da diuretico e disintossicante, aiutando il feto di svilupparsi normalmente.

Questo fungo può anche aiutare le donne che hanno la difficoltà a concepire un figlio oppure chi ha avuto in precedenza un aborto.

 

Vuoi ricevere i prossimi articoli
Comodamente via email?

Inserisci la tua email:


Ganoderma IT Il Ganoderma Lucidum come adattogeno

 

Per secoli, la medicina tradizionale asiatica ha utilizzato questo adattogeno per le sensibilità ritenute ad aiutare o porre rimedio a disturbi come la pressione sanguigna bassa, pressione alta, malattie cardiache, ulcere, insonnia, psoriasi, il diabete, e molto altro ancora.
L’estremo Oriente considera l’adattogeno Ganoderma Lucidium un rimedio molto importante con dei benefici straordinari.
Nel 1950, il Dr. Israel Brekhman ha trovato migliaia di piante, erbe incontaminate, in una remota regione montuosa in Russia chiamato Primorye. Ha scoperto che queste erbe adattogene in qualche modo contribuivano ad alleviare lo stress, l’ansia e la depressione che potrebbe sorpassare la vita di una persona.

Adatogeno Ganoderma

Il Ganoderma Lucidum consumato quotidianamente si dedica completamente alla guarigione del corpo e può porre rimedio soprattutto in determinati casi come; alcolismo, parotite, paralisi, stanchezza, sterilità e reumatismo.
Un adattogeno, ha tre componenti: sarebbe tossico in dosi normali, producono una reazione difensiva generale contro lo stress, ed hanno un’influenza normalizzante sul corpo.
Il Ganoderma viene spesso utilizzato per trattare le allergie, febbre da fieno, asma bronchiale, e per ridurre l’infiammazione della pelle.
Studi di laboratorio sostengono l’uso e mostrano che alcuni componenti del Ganoderma hanno un forte effetto antistaminico che interrompe lo sviluppo di reazioni allergiche, infatti molti medici consigliano di utilizzare e consumare il Reishi appunto per le sue proprietà benefiche straordinarie.

Forse avete visto gli effetti dello stress nel comportamento dei vostri clienti, o forse sono venuti a voi alla ricerca di suggerimenti su come calmare i nervi e ridurre l’impatto dello stress sui loro corpi, menti e anime.
L’American Academy of Family Physicians in Kansas City, Missouri, stima che circa due terzi di tutte le visite ambulatoriali sono per disturbi legati allo stress, ma lo stress in sé non è una malattia, è semplicemente un dato di fatto – ed è sempre stato. I fattori di stress sono cambiati nel corso degli anni, ma la fisiologia umana è rimasta la stessa.

Una sostanza adattogena è quello che dimostra un aumento specifico della capacità del corpo di resistere un fattore di stress e a diversi cambiamenti.
In linea con la definizione, gli erboristi moderni affermano le erbe adattogene sono piante con proprietà che esercitano un’influenza normalizzante sul corpo, inibendo la funzione normale del corpo, ma esercitando un effetto tonificante generalizzato.
Al centro del campo di applicazione di un adattogeno hanno l’azione e la capacità di aiutare il corpo a fronteggiare più efficacemente lo stress. In particolare, il Ganoderma ricarica le ghiandole surrenali, che sono i meccanismi nominali del corpo per rispondere a stress e cambiamenti emotivi.
La domanda è:

Il Ganoderma Lucidum può normalizzare il corpo e consentire di utilizzare l’energia in modo più produttivo quando fattori di stress non sono le minacce fisiche, possono essere utilizzati per migliorare la salute generale e le prestazioni?

Diversi studi indicano che possono aiutare le persone a gestire lo stress, fornendo: attività antiossidante di protezione e attività antitossina, miglioramento del metabolismo degli zuccheri nel sangue, meno voglia di alcool o di zucchero, migliora la resistenza immunitaria, l’aumento di energia e della resistenza, miglioramento del tono muscolare, una maggiore resistenza, un recupero più rapido, l’elenco delle proprietà adattogene del Ganoderma è lunga soprattutto a causa della definizione ampia del termine.

 

Vuoi ricevere i prossimi articoli
Comodamente via email?

Inserisci la tua email:


Ganoderma IT Tutte le risposte sul Ganoderma

 

Quali sono i principi attivi?
Altri principi attivi sono i Triterpeni, una categoria di questi trovata nel Ganoderma Lucidum sono conosciuti come gli acidi ganoderici. Degli studi hanno constatato che gli Acidi Ganoderici contribuiscono ad alleviare le comuni allergie, inibendo il rilascio di istamina, migliorare l’ utilizzo dell’ ossigeno e migliorare le funzioni epatiche.

Ci sono effetti collaterali?
No. Secondo la letteratura classica il Ganoderma e classificato come un erba superiore.
Vengono dette erbe superiori quelle erbe che non sono tossiche e possono essere consumate in grandi quantità per un lungo periodo di tempo senza effetti collaterali.

Dopo 2000 anni non vengono ancora riscontrati ne il letteratura classica ne in studi clinici effetti collaterali. Tuttavia alcuni individui sensibili possono avvertire sintomi di disintossicazione quali, disturbi digestivi lievi, vertigini, mal di ossa ed eruzoni cutanee durante il periodo iniziale di assunzione.

Tutto ciò deriva dall’ escrezione di sostanze tossiche accumulate presenti nei cibi moderni, ed una vivace attività del metabolismo.
Questi sono tutti normali sintomi di ripresa che stanno ad indicare il buon funzionamento dell’erba Ganoderma Lucidum. Tali sintomi di disintossicazione di solito scompaiono dopo pochi giorni di assunzione continuativa del fungo.
Inoltre nella monografia della American Herbal Pharmacopoeia®’s e stato pubblicato che il Ganoderma è classificata come erba di 1° classe ossia:

Erba che può essere tranquillamente consumata in modo appropriato (Mc Guffin ed altri 1997).

Nella letteratura clinica viene riportata assenza di effetti collaterali, i medici riferiscono solo occasionali lievi disturbi digestivi ed eruzioni cutanee in soggetti sensibili, effetti che sono di solito di breve durata.
Assumendo una sorta di Vitamina C con il Reishi può aiutare a ridurre gli effetti indesiderati che si verificano durante le prime assunzioni del Fungo.

Posso assumere il Reishi contemporaneamente ai miei altri farmaci?
Si. Il Ganoderma (o Reishi) è un integratore naturale e non ci sono controindicazioni riportate in più di 2000 anni di studio. Tuttavia le sonstanze adattogene e immuno-modulanti, come il Reishi dovrebbero essere assunte con cautela da pazienti sottoposti a trapianti di organi e utilizzo di immunosoppressori.
Sempre meglio consultare il medico prima di assumere qualsiasi integratore alimentare.
Ulteriori informazioni su interazioni farmacologiche teoriche con il reishi possono trovarsi al seguente articolo: Le attività Farmacologiche del Ganoderma.

Dopo quanto tempo si possono vedere i risultati dell’ uso del Reishi?
I risultati variano da individuo a individuo. Normalmente si possono notare benefici dell’ assunzione di Reishi trascorsi dai dieci giorni a due settimane. Può essere constatata una differenza significativa dopo circa due mesi dall’ assunzione quotidiana ininterrotta di Reishi.
E’ importante che le persone facciano del Reishi una loro quotidiana abitudine per la prevenzione.

Il Reishi è adatto ad ogni età?
Si il Reishi è un integratore alimentare adatto ad ogni individuo di qualsiasi età.
Tuttavia, si raccomanda sempre di consultare il medico qualificato per qualsiasi tipo di integratore aimentare.

Quali sono le indicazioni per assumere il Ganoderma?
E’ meglio assumere il Ganoderma la mattina a stomaco vuoto.

Per migliorare gli effetti del Reishi si consiglia di bere più acqua in modo tale da favorire la eliminazione delle sostanze tossiche.

Si consiglia inoltre di assumere vitamina C insieme al Reishi per aiutare il corpo ad assorbire i principi attivi contenuti nel fungo. Gli studi hanno dimostrato infatti che la vitamina C aiuta a rompere i legami dei polisaccaridi complessi in parti più piccole meglio gestibili e da assimilare per il corpo.

Qual’ è il prodotto a base di Reishi giusto per me?
Come ogni altro prodotto, non tutti i prodotti a base di Ganoderma sono uguali. I prodotti a base di Ganoderma hanno diversi livelli di qualità a seconda dei fattori di produzione. Fattori quali il metodo di coltivazione, la qualità dei funghi madre della pianta, le condizioni di crescita, e il metodo di trasformazione utilizzato per estrarre l’ essenza del Reishi dal fungo tutti quasti fattori insieme svolgono un ruolo importante nel determinare la potenza di un prodotto a base di Ganoderma.
I primi coltivatori di Reishi sono da sempre i giapponesi che usano la migliore tecnica di coltivazione chiamata il metodo naturale pezzo di legno per coltivare il Ganoderma con alta qualità.
Prima di decidere quale prodotto utilizzare, controllare che sia correttamente e chiaramente etichettato con gli ingredienti e l’ origine del prodotto. Qualsiasi supplemento di salute di alta qualità conterrà queste informazioni.

Quali sono le diverse tipologie di coltivazione del Reishi?

Tipi di coltivazione Ganoderma

La coltivazione con pasta di legno prevede il posizionemento di pasta di legno in una bottiglia di vetro con i funghi aggiunti. Dopo tre mesi, cresceranno piccoli funghi di qualità relativamente scarsa. La coltivazione in scatola di legno prevede l’ innesto dei funghi in un tronco di legno che viene poi introdotto in una scatola di legno anch’essa, con questo metodo vengono prodotti funghi di medie dimensioni e di qualità moderata dopo 6 mesi.

Qual è la differenza tra il Ganoderma Nero e il Ganoderma rosso?
Il Ganoderma Rosso ha dimostrato di essere più efficace nel migliorare la generale salute grazie ad un azione sul sistema immunitario, molte funzioni corporee, e organi vitali.
Il Ganoderma nero è abbastanza comune e si può trovare nelle erboristerie soprattutto se cinesi.
Questa specie di Ganoderma tende ad essere di forma irregolare e misura fino a dieci centimetri di diametro, anche se gli esemplari più maturi sono di solito di sei centimetri.

Il Reishi nero è considerato inferiore a quello rosso a causa del suo contenuto inferiore di polisaccaridi.

ganoderma nero e ganoderma rosso

Il Reishi deve essere assunto solo quando si è ammalati?
No il Reishi può essere assunto in qualsiasi momento anche quando non si è malati.
Il vantaggio principale dell’assumere Ganoderma è quello dell’effetto che questo ha sul sostenimento e la moduazione del sistema immunitario ad un livello ottimale. Quindi il Ganoderma e utile anche per una persona sana.

Meglio rendere il Ganoderma rosso una parte della vostra dieta giornaliera.

Oltre all’utilizzo di prodotti con Reishi rosso come posso migliorare la mia salute?
I nutrizionisti raccomandano quanto segue:

  • Evitare l’utilizzo di zucchero raffinato, sostituendolo con miele puro o fruttosio
  • Evitare cibi trattati (cibi in scatola, pasta istantanea, soda, ecc…)
  • Mangiare un sano mix di alimenti naturali da ogniuno dei gruppi alimentari per mantenere l’equilibrio nutrizionale. Includere ogni tipo di verdura nella dieta, specialmente quelle con steli e radici
  • Bere molta acqua. Cercare di bere 8 bicchieri di acqua al giorno. Questo eviterà la disitratazione cellulare e migliora le funzioni metaboliche per liberare il corpo dai rifiuti tossici

Ganoderma e il Colesterolo Buono

Come l’essenza dell’estratto di Ganoderma si differenzia dal Ganoderma alla sua forma grezza?
In Medicina Tradizionale Cinese (TCM) e tutta la storia d’uso di Ganoderma, esso veniva utilizzato solo quando completamente cresciuto ed essicato, tagliato a fette, bollito in acqua calda, e poi finalmente bevuto come tè o zuppa, al fine di digerirne correttamente i principi attivi.
Ora i produttori di Ganoderma in giappone usano una tecnica di lavorazione raffinata e alta intensità di lavoro, dove viene bollito prima più volte in un ambiente sanitario e ad alta pressione per estrarre correttamente l’essenza nutrizionale di Ganoderma (acqua calda di estrazione).
Prodotti inferiori presenti sul mercato sono fatti con la polvere di materie prime di Reishi che non risultano quindi cosi raffinati.

Come il Ganoderma si distingue dagli altri funghi?
A differenza dei funghi come lo Shitake, Maitake e Cordyceps, i quali condividono analoghe proprietà, il Ganoderma Rosso (o Ganoderma Lucidum) è quello con la storia più lunga ed è stato riconosciuto come il più efficace nel trattamento della più ampia gamma di condizioni di salute. Il Ganoderma Rosso ha molti composti che lo differenziano dagli altri come triterpeni ( acidi ganoderici) che danno la caratteritica del sapore amaro.

Da dove proviene il Ganoderma?
Nei primi anni ‘70, i ricercatori giapponesi hanno scoperto un metodo per coltivare Ganoderma su larga scala.
Ora il Ganoderma Lucidum è disponibile e può essere trovato in coltivazioni commerciali in Giappone, Cina, Stati Uniti, e in altre parti dell’Asia.

Quali sono tutti i vantaggi del Ganoderma?
La seguente tabella è stata ripresa da un articolo pubblicato da “funghi medicinali”:
le loro proprietà terapeutiche e corrente uso medico con particolare attenzione alle cure per il cancro della Cancer Research UK.
Tabella – Effetti farmacologici di interi estratti Ganoderma in vivo ed in vitrio

  • Analgesica
  • Attività Antiallergica
  • Bronchite – effetto preventivo, inducendo la rigenerazione dell’epitelio bronchiale
  • Azione Anti-infiammatoria
  • Azione Anti-batterica, contro gli staffilococchi, streptococchi, e pneumoniae Bacillus ( dovuto all aumento dell’ attività del sistema immunitario)
  • Antiossidante, eliminando i radicali liberi idrossilici
  • Attività Antitumorale
  • Effetto Antivirale, inducendo la produzione di interferone
  • Abbassa la pressione sanguigna
  • Azione cardiotonica, riducendo i livelli sierici di colesterolo senza alcun effetto sui trigliceridi, aumentando il metabolismo miocardico degli animali ipossiche, e migliorare l’emodinamica delle arterie coronarie
  • Depressivo centrale e periferico anticolinergico azione sul sistema nervoso autonomo riduce gli effetti della caffeina e rilassa i muscoli.
  • Attività avanzata delle cellule NK (natural killer)
  • Anti-Tosse
  • Anti-HIV in vitro e in vivo
  • Miglioramento della funzione corticosurrenale
  • Aumento della produzione di interleuchina-1 da macrofagi peritoneali murini in vitro
  • Aumento della produzione di interleuchina-2 da splenociti murini in vitro

Principali componenti attive:

  1. Beta-ed etero-Beta-glucani (antitumorale, immunostimolante)
  2. Ling Zhi-8 proteine (agenti anti-allergici, riduce colesterolo e la pressione sanguigna)
 

Vuoi ricevere i prossimi articoli
Comodamente via email?

Inserisci la tua email: